Gorizia, auto troppo veloci in via Brass: il Kulturni dom chiede più sicurezza
GO! 2025
Mancano
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Auto troppo veloci lungo via Brass, il Kulturni dom chiede più sicurezza

gorizia

Auto troppo veloci lungo via Brass, il Kulturni dom chiede più sicurezza

Di Timothy Dissegna • Pubblicato il 18 Mar 2023
Copertina per Auto troppo veloci lungo via Brass, il Kulturni dom chiede più sicurezza

Il presidente del Kulturni dom torna a scrivere al sindaco Ziberna, Del Sordi: «Ne parleremo nel pedo-biciplan».

Condividi
Tempo di lettura

L'incidente verificatosi lunedì mattina in via Brass, a Gorizia, riaccende la discussione sulla sicurezza stradale nella zona. Un tema sollevato più volte dal presidente del Kulturni dom, Igor Komel, che aveva chiesto al sindaco Rodolfo Ziberna degli interventi contro la velocità elevata. Oggi lo fa rifa con una nuova lettera aperta, raccontando di aver assistito in prima persona ai soccorsi del malcapitato motociclista rimasto ferito a una gamba e al collo. Sottolineata la professionalità e rapidità dei sanitari della Croce verde, come pure della polizia locale.

"Caro sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna - riporta la missiva -, spettabile comando della polizia municipale, questa è già la sesta lettera, oltre alle segnalazioni verbali, nell’ultimo decennio, con la quale vi segnaliamo la precaria viabilità lungo la via I. Brass, che insieme alla via Scodnik è stata negli ultimi anni un vero e proprio continuo cantiere aperto. L’incidente dei giorni scorsi, dopo vari altri per fortuna di minor consistenza, verificatosi nei mesi scorsi, è un‘occasione per evidenziare nuovamente le varie problematiche della viabilità e sicurezza in via Italico Brass, ovvero nel centro cittadino".

"In questo senso - rimarca -, va ricordato che dopo la chiusura pedonale della parte del Corso Verdi antistante i Giardini pubblici, il traffico di percorrenza in via Brass è notevolmente aumentato. Inoltre di recente è stato posto il divieto di parcheggio lungo la via Brass, dopo il semaforo di fronte alla scuola 'D’Annunzio', il che consente ulteriormente agli automobilisti indisciplinati e spregiudicati di correre come dei forsennati. Così si rischiano incidenti continui".

"Non va dimenticato inoltre che lungo la via Brass – parte del centro storico cittadino – ci sono il teatro Kulturni dom, due palestre (Valletta del Corno e Kulturni dom), l’Istituto scolastico 'G. D’Annunzio' e in via Seminario la frequentata biblioteca. La zona è quindi ogni giorno percorsa da oltre un migliaio di giovani, studenti e bambini, e nelle ore serali dagli appassionati di teatro e dai tifosi sportivi. Pertanto il mio personale intento è quello di segnalare nuovamente alla vostra spettabile amministrazione il problema della viabilità e dell’alta velocità in via Brass".

Da qui "la proposta di collocare almeno il limite a 40 km/h nel tratto che va dalla palestra Valletta del Corno sino alla scuola D’Annunzio, ponendo se possibile sulla strada dei limitatori o indicatori luminosi di velocità, come è stato fatto in via Trieste dinanzi all’aeroporto, oppure come è stato collocato il limite addirittura di 30km/h a Sant’Andrea, Piuma, in via San Gabriele e sull’incrocio tra le vie Scodnik, Orzoni, Mighetti ecc". Richiesta anche "la sistemazione delle transenne parapedonali, da situare dinanzi all’uscita principale del Kulturni, per salvaguardare in particolar modo l’uscita dei bambini".

"In conclusione, ribadisco nuovamente che il problema della viabilità sta diventando fonte di pericolo e disagio per gli abitanti del quartiere. È nostro comune compito salvaguardare la sicurezza dei cittadini, con un occhio particolare rivolto ai più piccoli.
Nella convinzione che la giunta comunale prenderà 'finalmente' in esame la settima segnalazione portando a soluzione il problema, porgo i più distinti saluti" conclude Komel. Dal canto suo, l'assessore alla viabilità Francesco Del Sordi replica che "sulle vie ad alto scorrimento cercheremo di intervenire ulteriormente".

In ogni caso, "su certe arterie - evidenzia l'esponente della giunta - non si possono mettere dossi. Sarà un discorso da fare con la realizzazione del pedo-biciplan, dove bisognerà porre anche dei limiti 30 ma si potrà farlo solo nelle zone residenziali e non in quelle ad altro scorrimento". Sui punti critici sul territorio, ha quindi ricordato anche quello di piazza San Giorgio a Lucinico, dove ieri sera si è registrato un ulteriore incidente con il ferimento di una persona.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione