Sconti per chi decide di vaccinarsi, l'idea in un negozio di Gorizia

l'iniziativa

Sconti per chi decide di vaccinarsi, l'idea in un negozio di Gorizia

Di Timothy Dissegna • Pubblicato il 26 Lug 2021
Copertina per Sconti per chi decide di vaccinarsi, l'idea in un negozio di Gorizia

La proposta lanciata da un commerciante in corso Italia: «Serve impegno civico da parte di tutti». Ma arrivano critiche.

Condividi
Tempo di lettura

Mentre infuria la polemica delle piazze contrarie all’obbligo del Green pass, un commerciante di Gorizia va in tutt’altra direzione e riserva degli sconti ai nuovi vaccinati. Succede in corso Italia, al negozio di abiti Sushi Fashion, decidendo di “premiare” con il 10% di sconto chi decide di immunizzassi contro il Covid. L’idea è nata ad Alessio Destro (nella foto), 55enne titolare dello store, sia come attività promozionale ma soprattutto come messaggio civico. In particolare in un momento come questo dove, sottolinea il titolare, “chi dovrebbe dare dei messaggi non li da, o latita”.

La tabella è stata affissa mercoledì, spiegando che “vaccinarsi è un dovere civico” ed evidenziando l’importanza di “stringersi a coorte” non solo quando l’Italia vince gli Europei. “Un po’ di libertà in meno per un po’ di libertà in più e per proteggere le persone più fragili” recita l’appello. Destro conferma ogni singola parola, anche se precisa di non essere una persona che si vaccina a prescindere. “Ma la situazione non ci consente di dire di no - rimarca - salvo chi ha patologie particolari. Nel mio piccolo, cerco di dare una spinta, faccio il mio compito di cittadino attivo”.

Come professionista del settore, una futura nuova chiusura è ben più di un incubo, dopo un periodo nero con gli incassi aggravato dalla rapina subita in novembre. Di ristori, denuncia, ne ha visti solo qualcuno la scorsa primavera e poi nulla. Peraltro tarati sui parametri del 2019, quando la situazione era ben diversa dall’attuale. C’è poi la preoccupazione verso gli altri: “Lavorando nel pubblico, non voglio avere paura di poter trasmettere la malattia a qualcuno”. Ad oggi, sono stati in tre a beneficiare della promozione, ma il commerciante non fa alcun passo indietro, anzi.

Qualche commento negativo è comparso online e “ho saputo che sui social qualcuno ha discusso a riguardo, tra cui un consigliere comunale”. Il riferimento è a Stefano Altinier (Lega), che aveva pubblicato sul proprio profilo la foto del cartello. Lo stesso esponente oggi spiega di essere stato “contattato da alcune cittadine allarmate che mi hanno richiesto di portare a conoscenza la vicenda. Purtroppo da quando è uscito il governo con la storia del Green pass, è stata la ciliegina sulla torta, che ha portato alla massima esasperazione gente che da quasi due anni è rimasta chiusa in casa”.

“Una questione - prosegue - che porta la gente a lotte e contrasti totalmente inutili e dannose per la società. Mi auguro che termini il prima possibile questa guerra mediatica e che, una volta per tutte, il governo non scarichi il barile sul popolo ma risolva la questione in maniera precisa e senza strascichi assumendosi la totale responsabilità”. Dall’Ascom, il presidente Gianluca Madriz spiega che si tratta di “azioni singole non concordate con l’associazione. Creare ‘differenze’ non aiuta ad uscire dalla pandemia. La prudenza e la ragione devono prevalere sempre sull’emotività”.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione