Caro bollette, Livio Vecchiet bacchetta la giunta: «Nessun intervento a Ronchi»

L'APPELLO

Caro bollette, Livio Vecchiet bacchetta la giunta: «Nessun intervento a Ronchi»

Di Salvatore Ferrara • Pubblicato il 25 Nov 2022
Copertina per Caro bollette, Livio Vecchiet bacchetta la giunta: «Nessun intervento a Ronchi»

L'ex sindaco chiede sia fatta chiarezza sulle misure da mettere in campo per far fronte al caro bollette e al caro consumi.

Condividi
Tempo di lettura

Da alcuni mesi, ogni giorno i problemi del caro bollette e l’aumento dei costi di energia elettrica e del gas si ripercuotono pesantemente non solo sulle famiglie e sulle aziende, ma anche sulle amministrazioni comunali. A domandarsi che cosa stia succedendo "in casa propria" a Ronchi dei Legionari è l'ex sindaco Livio Vecchiet, della civica Insieme per Ronchi. Diversi enti locali stanno intervenendo con provvedimenti per ridurre le spese correnti dal bilancio comunale per quanto riguarda i costi del riscaldamento e dell'energia elettrica.

"Per quanto riguarda il nostro Comune - sono le parole dell'esponente dell'opposizione - nessuno sa nulla di cosa si voglia fare, possiamo dire che fino ad oggi il fondo Covid è riuscito a sopperire agli aumenti dei costi energetici, ma quando sarà esaurito questo fondo cosa faremo? Chiuderemo tutto perché non è stato programmato nulla?". E ancora Vecchiet: "Sappiamo solo che sono stati destinati 18mila euro per le luminarie natalizie, ed altre risorse economiche per la pista sul ghiaccio del parco Excelsior".

"Forse era il caso di fare una riflessione su queste spese, forse si doveva essere più sobri, forse si doveva aiutare le famiglie bisognose". Poi l'ex primo cittadino ha offerto alcuni esempi di quanto fatto da altri comuni che sono molto preoccupati di questa situazione che sta mettendo in pericolo i conti degli enti locali. Ne citiamo alcuni: Buttrio sta attuando lo spegnimento dell' impianto d’illuminazione pubblica dalle 24 alle 5.30. A Cormons è in vigore lo spegnimento delle luci di monumenti, fontane e parchi. Gorizia ha stabilito lo spegnimento delle luci esterne alle scuole, ai cimiteri, musei e al teatro.

Andando fuori regione, il comune di Bolzano ha optato per la riduzione del riscaldamento di uno o due gradi, per lo spegnimento dell'illuminazione esterna di ponti e di alcune infrastrutture, ha provveduto a stabilire la sospensione dell' erogazione dell' acqua calda nei bagni degli edifici pubblici, ha vietato l'uso delle docce nel post allenamento e ha puntato sulla riduzione delle luminarie. Guardando alla vicina Slovenia, la società che gestisce l’autostrada ha spento tutte le luci non necessarie. Gli esempi offerti sono stati poi tanti altri.

"Va dato atto alla lungimiranza della precedente amministrazione - dice Vecchiet - che già dal 2015/2016 con la stipula di un project financing, ha sostituito tutte le lampade stradali con lampade Led, e rinnovato tutti gli impianti termici per un risparmio di 300mila kilowatt annuo termici e di 785mila kilowatt annuo elettrici, altrimenti la situazione economica oggi sarebbe insostenibile. Anche il campo di calcio di Vermegliano e quello di softball sono stati dotati di illuminazione serale a Led".

La civica Insieme ritiene dunque che non sia più rinviabile l'adozione dei provvedimenti per abbattere i costi energetici, considerato che a breve dovrà essere redatto il bilancio 2023, e contemporaneamente il bilancio triennale nella quale i costi energetici rischiano di compromettere di fatto tutti gli equilibri di bilancio delle spese correnti. Con il rischio di importanti tagli ai servizi pubblici e l’aumento delle tasse. Vecchiet auspica inoltre che venga istituito un bonus energia a favore delle famiglie, chiedendo sobrietà nel prendere le decisioni del prossimo futuro.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione