L'estate verso il Polo Nord, una ragazza di Ronchi aiuta i bambini in Groenlandia

L'avventura

L'estate verso il Polo Nord, una ragazza di Ronchi aiuta i bambini in Groenlandia

Di Ivan Bianchi • Pubblicato il 19 Lug 2021
Copertina per L'estate verso il Polo Nord, una ragazza di Ronchi aiuta i bambini in Groenlandia

La giovane Caterina Fragiacomo si trova ora nella cittadina di Qeqertarsuaq per un mese di servizio civile internazionale tra le attività con i bambini e la comunità e qualche escursione nella natura incontaminata.

Condividi
Tempo di lettura

Da Ronchi dei Legionari alla Groenlandia. Un viaggio che la ventitreenne Caterina Fragiacomo sta compiendo in questo periodo e che sta regalando tante emozioni quanti sono i chilometri percorsi per raggiungere questo lontano territorio.

Di fatto, Caterina sta partecipando a un campo di volontariato, ovvero una delle possibilità che vengono offerte all’interno del volontariato internazionale. “Ho preso parte grazie all’Associazione Servizio Civile Internazionale”, spiega Caterina. “Ho una discreta esperienza con i bambini e volevo migliorare le mie capacità, volevo conoscere una realtà lontano da casa e dall’Europa, oltre che impegnare il mio tempo per dare una mano a chi ne ha più bisogno. Va detto che fare volontariato, specialmente a livello internazionale, aiuta ad acquisire nuove amicizie in giro per il mondo, cosa che ho sempre adorato fare”.

Il campo, in sé, si trova nella città di Qeqertarsuaq, cittadina di quasi 900 abitanti nell’isola di Disko, in Groenlandia. “Svolgiamo attività per bambini e adolescenti nella scuola della città, dal lunedì al venerdì da mezzogiorno alle sei, quindi circa sei ore. In più il sabato viene organizzato un evento per la comunità”, prosegue Caterina. “Le attività che proponiamo sono principalmente creative e sportive. Mi trovo molto bene sia con il gruppo di volontari che con i bambini”. All’interno del gruppo è, sì, l’unica bisiaca ma non l’unica italiana. “Con me c’è anche Sara, una ragazza di Ancona”.

“La Groenlandia è un territorio enorme con una densità di popolazione assai bassa”, si parla di oltre due milioni di chilometri quadrati di territorio per circa 56mila abitanti. “La città di Qeqertarsuaq, a sud dell’Isola di Disko, offre principalmente attività di hiking, ovvero escursionismo, ma anche un museo. Tante le escursioni, tra le più belle quella del ghiacciaio Russell. Ci sono spazi vastissimi e tantissima natura”, racconta ancora Caterina.

Per quanto riguarda la situazione Covid, vi è una quarantena di cinque giorni all’arrivo, “noi l’abbiamo fatta a Kangerlussuaq. La quarantena, però, è diversa qui perché non prevede l’isolamento ma anche uscite all’aria aperta purché vengano mantenute le distanze di sicurezza. Sono emersi nuovi casi in questi giorni per cui è tornata la mascherina nei luoghi chiusi. Misure di contenimento sono state immediate e quindi la diffusione del virus è praticamente inesistente a quanto si riesce a capire”, prosegue Caterina.

“La popolazione ci ha accolto molto bene, in tanti sono arrivati al nostro evento di accoglienza e benvenuto. Siamo arrivati il 3 luglio, e il 5 luglio abbiamo organizzato il primo evento. Il 6 abbiamo iniziato con le prime attività”. E, da subito, vi è stato un grande feeling con i bambini, oltre che con il resto del gruppo. “È sempre una bella sensazione vederli aspettare che le porte della scuola si aprano per poter cominciare la giornata. Io, in particolare, mi sono affezionata ad una bambina di Nuuk, che è a Qeqertarsuaq in vacanza con i genitori. Mi ha additata subito come sua amica il primo giorno di attività”, ma sono tanti i momenti felici e umanamente toccanti dell’esperienza, ci conferma.

Nonostante la Groenlandia si trovi a quattro ore di differenza di fuso orario dall’Italia, l’intervista è riuscita grazie all’esistenza, fin là, di internet e della messaggistica istantanea. Non ci resta che augurarle un buon lavoro e una buona permanenza a questa bisiaca un po’ fuori casa. Il 25 terminerà la propria esperienza e il 26 ripartirà per la Danimarca e, da lì, verso l’Italia.

Nella foto, di Peder Trolle, Caterina con alcuni bambini a Qeqertarsuaq.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione