Riserva naturale Foce dell'Isonzo preda di immondizie, un'escursione per ripulirla

Call to action

Riserva naturale Foce dell'Isonzo preda di immondizie, un'escursione per ripulirla

Di Redazione • Pubblicato il 25 Feb 2021
Copertina per Riserva naturale Foce dell'Isonzo preda di immondizie, un'escursione per ripulirla

Vari rifiuti di origine antropica di ogni genere minacciano la Riserva, la Cooperativa Rogos chiama volontari per ripulire la zona.

Condividi
Tempo di lettura

“La Riserva Naturale ha bisogno di voi!”. Questo il messaggio che è stato lanciato dalla Riserva Naturale Foce dell’Isonzo a Staranzano per annunciare l’evento del 14 marzo. Una sorta di call to action per chiedere l’ausilio di volontari, in questo caso adulti, per un’escursione di circa otto ore con partenza dalle ore 9.

Lungo le coste della Riserva e nelle aree golenali del fiume Isonzo il vento di bora e le correnti marine concentrano una gran quantità di materiale galleggiante. Oltre a rami e tronchi, che rappresentano un elemento naturale del paesaggio, arrivano anche rifiuti di origine antropica di ogni genere. Il loro arrivo nella Riserva rappresenta solo uno stadio intermedio, se non raccolti regolarmente entrano nella catena alimentare causando danni ancora maggiori all'ecosistema. “La sensibilizzazione del pubblico è fondamentale per arginare e bloccare il problema sul nascere, ma in attesa di una maggiore presa di coscienza da parte di coloro che ancora abbandonano materiale vario in zone dalle quali viene poi trasportato in giro, dobbiamo provvedere regolarmente a smaltire quanto già si trova sulle sponde dell'Area protetta”, fa sapere la Cooperativa Rogos attraverso una nota.

“Puliamo la Riserva con gli operatori della Società cooperativa Rogos e della Stazione Biologica Isola della Cona e approfittiamo dell’occasione per non farci mancare tante osservazioni e aneddoti sugli abitanti di questa splendida Area protetta. Voi portate guanti, stivali e tanta voglia di fare, al pranzo ed alla buona compagnia ci pensiamo noi”, proseguono.

Nel rispetto delle normative relative all'emergenza COVID-19 l’evento è organizzato a numero chiuso. La partecipazione è possibile solo su prenotazione. Per aderire inviate una mail all’indirizzo info@rogos.it con il vostro nominativo e un recapito telefonico. La prenotazione è effettiva al ricevimento della conferma da parte dello staff della Società Rogos. La partecipazione all’evento è gratuita. Per partecipare è obbligatorio l’uso della mascherina e il rispetto della distanza di sicurezza.

L’organizzazione sottolinea di presentarsi con un equipaggiamento comodo, stivali di gomma e guanti da lavoro. Ai volontari la Società Cooperativa Rogos fornirà un pranzo al sacco. Prenotazione obbligatoria scrivendo all’indirizzo info@rogos.it. L’evento è gratuito. In caso di leggero maltempo l'appuntamento sarà comunque garantito. In caso di grave maltempo, l'escursione verrà rimandata e saranno avvisati gli iscritti tramite mail entro il giorno precedente. Si fa affidamento alle previsioni del sito http://www.meteo.fvg.it/ (OSMER FVG) come garanzia di attendibilità. 

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione