Restauro di antichi affreschi in case e chiese, fondi a Medea e Romans

Restauro di antichi affreschi in case e chiese, fondi a Medea e Romans

i bandi

Restauro di antichi affreschi in case e chiese, fondi a Medea e Romans

Di Redazione • Pubblicato il 09 Gen 2024
Copertina per Restauro di antichi affreschi in case e chiese, fondi a Medea e Romans

La Regione ha messo a disposizione per il primo bando 600mila euro, mentre 1,3 milioni per il restauro dei cicli a fresco e delle pitture murarie.

Condividi
Tempo di lettura

Ci sono anche Romans e Medea tra i Comuni che hanno aderito ai due bandi per il recupero di pitture storiche. Nel primo, si stanzieranno fondi per il recupero delle pitture murarie a fresco private prospicienti la pubblica via, mentre nel secondo caso per gli affreschi sacri di chiese e chiesette votive - ma anche dipinte all'interno di edifici storici come palazzi, ville e castelli -, tramite Comuni ed enti ecclesiastici. La Regione ha messo a disposizione nel primo caso 600mila euro, che destina ai Comuni (26mila euro per ciascun Municipio).

Poco meno 1,3 milioni di euro andranno per il restauro dei cicli a fresco e delle pitture murarie delle chiese, nei manieri e in dimore ed edifici storici. "Recuperare gli affreschi dipinti sulle pareti delle case dei nostri paesi, quelli che decorano le ancone votive e devozionali delle strade e le decorazioni murarie storiche in generale della nostra regione significa mantenere la memoria, salvaguardare un patrimonio dal valore inestimabile e valorizzare gli abitati nel Friuli Venezia Giulia" ha commentato l'assessore regionale alla cultura, Mario Anzil.

Il tutto anche per salvare "dal deperimento opere di devozione popolare alle quali la comunità è profondamente legata, che testimoniano la cultura e l'identità dei luoghi. Questo sarà possibile grazie a due linee di finanziamento della Regione" ha rimarcato l'esponente della giunta Fedriga. Per i privati, il tramite sarà il Comune: i cittadini potranno segnalare alla propria amministrazione municipale l'opera che ritengono meritoria per un recupero che, nel caso si tratti di una pittura di valore storico e di pregio, sarà effettuato da professionisti abilitati, previa autorizzazione della Soprintendenza.

I Municipi che hanno aderito all'iniziativa sono 23 e sono, oltre ai già citati, Buttrio, Castelnovo del Friuli, Claut, Cordovado, Mortegliano, Porcia, Porpetto, Povoletto, Prato Carnico, Rigolato, Roveredo in Piano, Sacile, San Martino al Tagliamento, San Quirino, San Vito al Tagliamento, Talmassons, Tarvisio, Tricesimo, Valvasone Arzene, Varmo e Vivaro. "Gli affreschi - ha sottolineato Anzil -, sono parte del nostro patrimonio storico e culturale, e anche delle tradizioni locali. Un patrimonio importante che non deve andare perduto".

"Grazie a questa nuova linea di finanziamento, le pitture private recuperate potranno essere godute non solamente dal proprietario dell'immobile ma da tutta la comunità e da chi visita la nostra regione. In alcuni casi si tratta di 'arte popolare', un'arte che ha contraddistinto la nostra storia, poiché il Friuli Venezia Giulia è composto perlopiù da piccoli e piccolissimi paesi, puntellati da ancone devozionali e immagini sacre dipinte che l'incuria e il tempo rischiano di cancellare per sempre". Anzil ha ricordato come non sempre sia possibile, da parte dei proprietari, procedere con attività autonome di restauro, con conseguente perdita del bene artistico-culturale, a svantaggio di tutta la collettività.

"Importante - ha aggiunto -, il tramite dei Comuni: calandosi nel locale, chi governa il paese, prima di tutto lo ama, lo conosce e si attiva per valorizzarlo e conservarlo nella sua peculiarità". Il vicepresidente della Regione si è soffermato anche su un aspetto legato al cambiamento della commissione dell'opera d'arte da parte delle famiglie con maggiori possibilità economiche: "Un tempo venivano scelte per la residenza dimore di valore già riconosciuto come ville e castelli, arricchiti costantemente nei loro arredi e nelle loro pitture".

"Oggi il trend è cambiato con la scelta di altre tipologie edilizie, più moderne, per la propria residenza. Tra le conseguenze di questa mutazione dei costumi c'è anche il rischio del decadimento, nel tempo, di palazzi, abitazioni e manieri che fanno parte della nostra storia e del nostro ricchissimo patrimonio culturale" ha fatto notare Anzil.

Foto Wikicommons

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) la redazione de Il Goriziano è contattabile al +39 328 663 0311.

Messaggi elettorali a pagamento

  • Elezioni 2024 - Committente: ALLESSANDRO CIRIANICommittente: ALLESSANDRO CIRIANI
  • Elezioni 2024 - Committente: MARCO FRAGIACOMOCommittente: MARCO FRAGIACOMO
  • Elezioni 2024 - Committente: GIULIANO VENUDOCommittente: GIULIANO VENUDO
Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione

×