Il paziente cronico tra terapie e fake news, esperti a Monfalcone

il convegno

Il paziente cronico tra terapie e fake news, esperti a Monfalcone

Di Redazione • Pubblicato il 08 Set 2022
Copertina per Il paziente cronico tra terapie e fake news, esperti a Monfalcone

Il convegno al Teatro comunale, ospiti anche i giornalisti Claudio Degano e Roberto Covaz.

Condividi
Tempo di lettura

Sarà il Teatro di Monfalcone ad ospitare, domani e sabato, gli incontri dedicati a “Il paziente cronico: conoscere i problemi per proporre interventi efficaci”, in collaborazione tra la struttura complessa Cardiovascolare e Medicina dello Sport dell’Ospedale maggiore, la struttura semplice Centro diabetologico di Trieste, la struttura semplice dipartimentale di Pneumologia dell’Ospedale di Gorizia-Monfalcone e la complessa Nefrologia e dialisi di Gorizia e Monfalcone dell’Asugi.

Dai periodi di difficoltà si tenta di uscire con uno slancio innovativo e di rinnovamento. Con questo obiettivo l’Azienda sanitaria si ripropone come laboratorio di proposte e soluzioni per dare risposte concrete ai bisogni di salute complessi della popolazione, nello specifico con particolare attenzione al modello organizzativo dell’assistenza territoriale. L’avanzare dell’età predispone alla frequente coesistenza di diverse patologie con la necessità di prendersi cura non più dei singoli problemi e delle singole patologie ma della persona nella sua globalità.

I professionisti della salute si trovano pertanto ogni giorno nelle necessità di dover bilanciare cure, benefici, rischi e costi e di prioritarizzare i diversi problemi e le diverse azioni terapeutiche. Tutto questo impone la necessità di creare un network ed un approccio multidisciplinare e multiprofessionale al fine di gestire al meglio il paziente con comorbidità in un sistema completamente rinnovato che supera le vecchie logiche di approccio parcellizzato e settoriale al malato e che garantisce un approccio in team tra le diverse figure professionali.

La proposta che Asugi ha messo in campo è l’istituzione di un dipartimento specialistico territoriale in cui cardiologi, diabetologi, pneumologi e nefrologi lavoreranno insieme sia in area giuliana che isontina per rispondere al bisogno di salute dei malati cronici nella loro globalità e complessità e non al singolo organo o alle singole malattie. Un riferimento unico all’uscita dall’ospedale e su segnalazione della medicina generale per circa 30mila pazienti cronici multimorbidi da seguire e tenere in carico in area giuliana e isontina.

L’obiettivo primario del corso è il confronto tra le esperienze e le esigenze di più specialisti in una unica trattazione, tra aspetti a volte contraddittori e di non facile approccio, e la comprensione del metodo di gestione del paziente cronico, che non può né essere assimilato alla malattia né scisso in più personalità differentemente malate. L’evento, che si articola su due mezze giornate (venerdì 9 pomeriggio e sabato 10 mattina) sarà un’occasione di confronto tra specialisti cardiologi, diabetologi, pneumologi e nefrologi di livello nazionale che porteranno le loro esperienze in tema di gestione del paziente cronico multimorbido.

Il tutto attraverso percorsi di cura condivisi, con l’obiettivo di superare all’interno di un sistema completamente rinnovato le vecchie logiche di approccio parcellizzato e settoriale al malato. Interverranno e porteranno il loro importante contributo di conoscenze e competenze due figure centrali dell’assistenza territoriale, la medicina generale e gli infermieri.

Ad arricchire il programma anche ospiti del mondo del giornalismo: Cristiano Degano, presidente dell'Ordine regionale, affronterà le criticità di una informazione affidata ai social ed agli algoritmi che genera disinformazione e fake news anche in campo scientifico; e Roberto Covaz, vicecaporedattore de Il Piccolo ed autore di diversi libri sul tema, che tratterà il tema amianto attraverso “i polmoni dei cantierini di Monfalcone”.

Porteranno i loro saluti il direttore generale di Asugi Antonio Poggiana; il direttore della Direzione centrale salute, politiche sociali e disabilità del Friuli Venezia Giulia, Gianna Zamaro; il rettore dell’Università di Trieste, Roberto Di Lenarda; il sindaco di Monfalcone, Anna Maria Cisint, l’Ordine dei Medici di Trieste e Gorizia ed i presidenti regionali delle associazioni mediche presenti al convegno.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione