Nuovo aiuto per le persone più sole e vulnerabili, a Šempeter il servizio transfrontaliero

il servizio

Nuovo aiuto per le persone più sole e vulnerabili, a Šempeter il servizio transfrontaliero

Di Redazione • Pubblicato il 03 Giu 2021
Copertina per Nuovo aiuto per le persone più sole e vulnerabili, a Šempeter il servizio transfrontaliero

La struttura del Gect presterà supporto agli abitanti dei tre comuni, aiutando a risolvere condizioni di disagio sociale. Gli obiettivi.

Condividi
Tempo di lettura

Sarà dedicato al supporto dei più bisognosi, aiutando su entrambi i lati del confine. Da oggi, è attivo un nuovo punto informativo per l'inclusione sociale, realizzato nell'ambito del progetto Salute-Zdravstvo del Gect Go. Nel nuovo info-point saranno disponibili informazioni sui programmi e servizi esistenti nel campo dell'inclusione sociale per i gruppi vulnerabili nei comuni di Šempeter-Vrtojba, Nova Gorica e Gorizia. Il tutto si trova nei locali del Centro attività quotidiane anziani (CDAS) di Šempeter pri Gorici, in cesta Prekomorskih brigad 62a.

Questo intervento conclude il ciclo di predisposizione di una rete comune di tre punti informativi negli altrettanti territori del gect. Nell'ambito del progetto Salute-Zdravstvo, più specificamente per le attività d'inclusione sociale, nel giugno dello scorso anno è stato siglato un protocollo congiunto transfrontaliero, che ha ulteriormente connesso l'area nell’offerta di sostegno alle fasce più deboli. I centri sono un luogo in cui i residenti possono ottenere informazioni più dettagliate sulle attività e sui programmi transfrontalieri in cui possono essere coinvolti.

Le persone bisognose spesso hanno difficoltà a chiedere aiuto, non sanno dove cercalo o che opzioni hanno a loro disposizione. In quanto società evoluta, tuttavia, "non possiamo permettere - spiega l'ente in in una nota - alle persone socialmente vulnerabili di fondersi semplicemente con l'ambiente circostante e diventare invisibili. Pertanto, attraverso gli sforzi congiunti di tutte le persone e delle istituzioni statali, vanno garantire condizioni tali da consentire a queste persone, in connessione con gli altri, di partecipare in modo creativo nel campo della famiglia, nel lavoro e nella vita, realizzando il loro pieno potenziale di sviluppo".

Tutto ciò per raggiungere un livello di qualità della vita che sia paragonabile agli altri nel loro ambiente e soddisfi i criteri della dignità umana. "Questo è uno dei motivi per cui è fondamentale avere quante più informazioni possibili sull'offerta e sulle opportunità di inclusione sociale da entrambe le parti del confine e renderle disponibili in modo 'discreto'".  Inoltre, nell'ambito del programma del centro, è in atto da tempo la collaborazione con alcune organizzazioni di Gorizia. Con il nuovo punto informazioni, Cdas amplierà il proprio lavoro e offrirà un'ulteriore integrazione transfrontaliera.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione