Arte e l’incuria dell’uomo, Manuel Grosso apre la mostra a Ronchi

minimalia

Arte e l’incuria dell’uomo, Manuel Grosso apre la mostra a Ronchi

Di Eliana Mogorovich • Pubblicato il 24 Gen 2023
Copertina per Arte e l’incuria dell’uomo, Manuel Grosso apre la mostra a Ronchi

Aperto sabato il primo evento espositivo del 2023, resterà aperto fino al 18 febbraio.

Condividi
Tempo di lettura

Opere che danzano sulle pareti e che soddisfano una sorta di universalismo artistico inteso come la capacità di ogni oggetto di avere un potenziale estetico. Questo il significato di Minimalia, il titolo della personale di Manuel Grosso inaugurata sabato nella sede espositiva di dell’associazione Leali delle Notizie a Ronchi dei Legionari. Inserito nel progetto Arte e Territorio, è realizzato con il supporto dell’amministrazione comunale con la collaborazione della Cassa Rurale Fvg e della Tabaccheria Finatti.

Si tratta del primo evento espositivo del 2023 ed è stato salutato dall’assessore comunale alla Cultura Monica Carta e da un foltissimo pubblico di amici, critici e artisti. La mostra propone opere realizzate traendo dei calchi da oggetti e porzioni di paesaggio che l’artista ha così voluto immortalare sia per testimoniare il potere evocativo di particolari apparentemente banali sia per raccontare l’incuria dell’uomo. Uomo che non è mai presente ma viene semplicemente richiamato proprio attraverso le tracce del suo passaggio, con rifiuti lasciati in luoghi che premono per proclamare la propria naturalità.

Nascono così immagini della volta celeste, le tracce delle rocce di Sistiana, perfino dei curiosi arazzi e delle raffinate tappezzerie che sono il risultato di stracci abbandonati sulle rive dei fiumi e restituiti dopo una piena. Realizzate con schiume poliuretaniche, le opere sono accomunate dall’uso del blu, simbolo di leggerezza e introspezione, all’interno del quale sono però contenuti gli altri colori primari in modo da restituire l’idea della complessità del tutto. La mostra di Manuel Grosso resterà aperta fino al 18 febbraio e potrà essere visitata: dal lunedì al mercoledì 8.30-13.30, 14.30-18.30, martedì 8.30-14.30, giovedì e venerdì 9-13.00 e 14-18, sabato 10-12.

Complice la lunga esperienza dell’autore nella didattica dell’arte, a margine della mostra si terrà un laboratorio per bambini di età compresa fra i 9 e i 12 anni. L’appuntamento è per sabato 11 febbraio dalle 10 alle 12 nel Foyer dell’auditorium comunale “Casa della Cultura” in piazzetta dell’Emigrante). Solo quindici i posti disponibili: per prenotazioni è possibile mandare una mail all’indirizzo elmogorovich@yahoo.it.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) la redazione de Il Goriziano è contattabile al +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione