I Longobardi di Romans premiati dai club Unesco, la festa a Foligno

il riconoscimento

I Longobardi di Romans premiati dai club Unesco, la festa a Foligno

Di Redazione • Pubblicato il 16 Ott 2022
Copertina per I Longobardi di Romans premiati dai club Unesco, la festa a Foligno

L'associazione premiata in Umbria, il film Langobardi vola ai festival in Spagna.

Condividi
Tempo di lettura

Ieri, sabato 15 ottobre, Invicti Lupi è stata premiata a Foligno alle finali del concorso nazionale “La fabbrica del paesaggio” organizzato dalla Federazione italiana dei club e centri per l’Unesco e con il patrocinio del Ministero per la Cultura, Parlamento europeo, Centro internazionale di studi per la conservazione ed il restauro dei beni culturali, Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti, Consilio d’Europa, Osservatorio europeo del paesaggio e ambasciata francese a Roma. Il tutto all’interno del Palazzo Trinci.

Il concorso rappresenta una delle azioni concrete che la Ficlu, attraverso il club organizzatore di Foligno, ha voluto proporre a livello nazionale per stimolare le riflessioni e iniziative delle comunità, delle imprese e degli enti su tematiche ambientali molto sensibili, di rilevante importanza educativa e di grande impatto sociale. Il progetto “Romans Langobardorum”, nato proprio a Romans d'Isonzo, è stato selezionato dal Club per l’Unesco di Gorizia come progetto meritevole di partecipazione al concorso nazionale dove concorrono imprese, associazioni, amministrazioni ed istituzioni, indifferentemente dai budget investiti.

Hanno avuto accesso alla fase finale 15 progetti promossi da enti e imprenditori privati e 4 da enti pubblici, raggiungendo così la quota di 260 segnalazioni promosse a livello nazionale dal Ficlu negli ultimi 11 anni. Nel corso dell’evento, organizzato nella città di Foligno "abbiamo avuto nuovamente modo - spiega il presidente dell'associazione, Matteo Grudina - di mettere in luce e in risalto il grande lavoro divulgativo che è in grado di portare avanti una rievocazione e ricostruzione storica realizzata in maniera innovativa come quella che Invicti Lupi sta realizzando sul territorio di Romans e dintorni".

"Non solo rievocazione - rimarca - ma un progetto a tutto tondo con archeologia sperimentale, divulgazione e didattica in scuole e musei, produzioni multimediali e documentaristiche, organizzazione di eventi culturali, recupero e valorizzazione dell’identità culturale, promozione dello sport, inizio del grande progetto della ricostruzione del villaggio longobardo con il recupero di una grande area comunale in disuso. Aver potuto accedere alla finale è stato per noi un grande onore: è stato importante togliere lo stereotipo classico che commissioni di giuria e pubblico hanno verso la rievocazione".

Questa è "solitamente vista - spiega - come una festa di paese realizzata con figuranti, abbiamo invece fatto luce sull’alta qualità culturale e sul grande apporto di valorizzazione che può offrire una rievocazione fatta bene e realizzata a tutto tondo con molteplici iniziative e progetti nel corso dell’anno". Grudina ha quindi organizzatori e la realtà goriziana per il sostegno, mentre una copia del docuflm Langobardi è stata donata alla federazione. Lo stesso, nei giorni scorsi, è stato selezionato per partecipare ad altri due festival: il Barcelona Indie Awards e il XXII Festival internacional de cine arquelógico del Bidasoa, a Irun nei Paesi Baschi.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Video
Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione