Green pass al lavoro da venerdì, sciopero davanti Fincantieri a Monfalcone

la mobilitazione

Green pass al lavoro da venerdì, sciopero davanti Fincantieri a Monfalcone

Di Redazione • Pubblicato il 13 Ott 2021
Copertina per Green pass al lavoro da venerdì, sciopero davanti Fincantieri a Monfalcone

Manifestazione fin dalla prima mattinata, poi il corteo in piazza. Chiesto un incontro con il prefetto.

Condividi
Tempo di lettura

La data di venerdì è segnata in rosso sui calendari di tutta Italia ormai da diverse settimane. Dopodomani, infatti, scatterà l'obbligo di green pass per tutti coloro che si recano al lavoro e le manifestazioni di contrarietà sono sempre di più all'ordine del giorno. Diversi comitati e associazioni hanno già preannunciato scioperi e proteste, come quella che andrà in scena dalle 5 del mattino fuori dai cancelli di Fincantieri a Monfalcone. La manifestazione, promossa dal sodalizio Vivere o sopravvivere, proseguirà quindi alle 10 con un corteo verso piazza Repubblica, dove prenderanno la parola i lavoratori.

Presidio atteso anche nel locale porto, mentre gli organizzatori non risparmiano attacchi a quello che viene definito "l’infame lasciapassare verde introdotto dal governo Draghi", che "costringerà i lavoratori a scegliere tra portare il pane a casa e sottostare a un trattamento sanitario obbligatorio che non vogliono e che hanno tutto il diritto di rifiutare. È noto infatti che la scelta di fare tamponi è insostenibile dal punto di vista fisico, psicologico ed economico. È noto anche, da dichiarazioni di esponenti dello stesso governo, che l’intento del lasciapassare verde è unicamente quello di forzare le vaccinazioni".

"È noto altresì - prosegue il gruppo nella nota - che la vaccinazione non garantisce l’immunizzazione né impedisce il contagio, rendendo di fatto il lasciapassare verde uno strumento inutile dal punto di vista di contenimento della pandemia. È da ormai troppo tempo che vediamo i nostri diritti fondamentali calpestati, così come le leggi e la Costituzione stessa. La vita di vaccinati e non vaccinati è già ridotta ai minimi termini da un anno e mezzo e col green pass si vuole instaurare di fatto un sistema di controllo che nulla ha di sanitario". La sua introduzione, aggiungono "ha superato ogni limite e non può essere accettata".

Gli organizzatori della protesta chiedono quindi "un incontro con il prefetto di Gorizia per esprimere le proprie ragioni tramite dei rappresentanti delle categorie lavorative. Tra le realtà presenti ricordiamo, tra gli altri, i lavoratori di Fincantieri, del porto di Monfalcone, della Nidec di Monfalcone, della grande distribuzione, gli insegnanti, i genitori, i pompieri e le forze di polizia. Sottolineiamo con fermezza che se la nostra richiesta di immediato ritiro del lasciapassare verde non troverà riscontro, la forza lavoro qui rappresentata continuerà ad oltranza, in tutti i modi leciti, ad impedire il regolare funzionamento delle attività lavorative".

"Lottiamo per i nostri diritti e per i diritti di tutti. Lottiamo per un presente e un futuro liberi da imposizioni contro la dignità degli esseri umani" conclude la nota.

Nella foto: manifestazione contro il green passa a Gorizia

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione