La gioia di Gorizia per l'arrivo di Maria Teresa, mai giunta in città

M di MARIA TERESA

La gioia di Gorizia per l'arrivo di Maria Teresa, mai giunta in città

Di Vanni Feresin • Pubblicato il 28 Nov 2021
Copertina per La gioia di Gorizia per l'arrivo di Maria Teresa, mai giunta in città

La sovrana moriva 241 anni fa, lasciando l'imper nelle mani del figlio Giuseppe II. Il ricordo.

Condividi
Tempo di lettura

29 novembre 1780. Morì a 63 anni a Vienna l’Imperatrice Maria Teresa, vedova di Francesco Stefano di Lorena e ultima sovrana della dinastia Asburgo. Lasciò a suo figlio Giuseppe II un impero ben amministrato, moderno, efficiente, economicamente stabile e con una moneta forte. Eresse nel 1752, con il placet di Papa Benedetto XIV, l’immensa Arcidiocesi Metropolita di Gorizia e fu l’ultima Sovrana che ebbe una piena e indomita fede cattolica, rendendo grande prestigio alla Chiesa universale che viveva nel territorio austriaco.

La mancata visita di Maria Teresa a Gorizia

A Carlo VI succedeva sul trono imperiale la figlia Maria Teresa, insigne sovrana universalmente riconosciuta ed apprezzata per saggezza e intelligenza. A lei si deve la salvezza dell’Impero, il risanamento delle finanze (grazie alla saggezza del marito l’Imperatore Francesco Stefano di Lorena) e dell’esercito, nonché l’erezione dell’Arcidiocesi di Gorizia nel 1752 con la conseguente nomina del conte Carlo Michele d’Attems a primo arcivescovo metropolita e nel 1766 a primo Principe Arcivescovo di Gorizia.

Con il suo governo si ebbe un notevole incremento culturale, sociale ed economico della città, attraverso una serie di provvedimenti legislativi a favore del territorio, come ad esempio la riforma scolastica e quella sanitaria.

L’Imperatrice Maria Teresa decise di incontrare i suoi parenti toscani e napoletani proprio a Gorizia: Nell’autunno dell’anno 1773 si ebbe sentore in Gorizia essere stata fissata la primavera susseguente per un convegno nella nostra città fra l’Imperatrice e la famiglia Arciducale della Toscana. Tutto il paese si pose in moto per l’alloggio delle due Corti. Il governo occupossi a far riparare il selciato, demolir case meno decenti, levare molti angoli che rendevano angusto il passo delle contrade e deturpavano la città, e a dare quei provvedimenti che rendonsi necessarj per l’affluenza di tanti forestieri.

Già era comparso parte del personale di Corte per scegliere e distribuire gli appartamenti; già era giunto l’equipaggio della famiglia Granducale di Toscana, quando un’indisposizione sopraggiunta a Maria Teresa fece sospendere ogni preparativo, con gran dispiacere di tutta la popolazione. Scrive lo storico Carlo de Morelli relativamente a questa decisione: Tutto si ammutolì in guisa, come se dal più chiaro giorno passati fossimo in un istante alla più buja notte. Tale era il disgusto e tale la tristezza, che si diffuse con rapidità sopra tutte le classe di persone.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione