L'ex polveriera di Romans cambia volto, sarà casa dei Longobardi

il progetto

L'ex polveriera di Romans cambia volto, sarà casa dei Longobardi

Di Redazione • Pubblicato il 19 Ago 2021
Copertina per L'ex polveriera di Romans cambia volto, sarà casa dei Longobardi

La Regione ha stanziato 100mila euro. Diventerà epicentro delle rievocazioni e non solo, con un'ampia riqualificazione.

Condividi
Tempo di lettura

L’ex polveriera di Romans d’Isonzo cambierà volto. Nella sua area, infatti, sarà riprodotto un villaggio dei Longobardi del VI secolo, grazie al contributo della Regione. Il progetto presentato dall’associazione Invicti Lupi e dall’amministrazione comunale è stato infatti inserito tra quelli vincitori del bando “Ripartenza”, ottenendo 100mila euro. Il tutto si inserisce in un più ampio programma di riqualificazione dell’ex area militare, che il Comune ha inteso avviare con uno studio preliminare e che sarà alla base delle possibili forme di riutilizzo e valorizzazione.

Tra queste, per l’appunto, la ricostruzione archeologica e didattica di un antico insediamento, come completamento delle azioni svolte dal sodalizio nell’ambito della rievocazione storica. La stessa amministrazione locale, è impegnata sul tema con la realizzione della nuova sede museale multimediale e interattiva di Casa Candussi-Pasiani. L'obiettivo del piano finanziato, quindi, è rivalorizzare la zona storica, riadattandone una parte per la realizzazione di un nuovo luogo dedicato al patrimonio storico e archeologico, attraverso anche a un principio di eco-sostenibilità.

Si farà poi perno sul rapporto tra cultura-natura-sport, “al fine di realizzare progetti versatili e completi sotto diversi punti di vista così da essere fruibili da un'ampia fetta di popolazione” sottolinea il presidente Invicti lupi, Matteo Grudina, in una nota. Si andrà inoltre a valorizzare anche la sinergia tra pubblico e privato. Lo studio per la riqualificazione e valorizzazione sarà seguito insieme degli studenti di Architettura dell’Università di Trieste. "Questo progetto - prosegue Grudina - vuole porre le basi per la creazione di un nuovo bene culturale regionale”

“Una volta terminate queste prime costruzioni - evidenzia - si potrà procedere con altri punti del progetto che prevedono la realizzazione di eventi e manifestazioni, tra i quali il più importante è sicuramente l'internazionale rievocazione storica Romans Langobardorum, la più grande altomedievale italiana”. Gli fa eco il vicesindaco Michele Calligaris, che condivide “la soddisfazione per un risultato importante che potrà aprire prospettive nuove in campo culturale e turistico. Amministrazione comunale e Invicti lupi stanno collaborando da tempo per una migliore valorizzazione del patrimonio locale”.

“Museo e rievocazione vanno di pari passo in questa direzione e questo ulteriore significativo obiettivo raggiunto dall’associazione rappresenta un ulteriore tassello per dare al territorio un importante prospettiva, per l’appunto, anche in chiave turistica. La riqualificazione è un obiettivo sicuramente ambizioso, ma abbiamo visto che con la sinergia e soprattutto le buone idee può essere alla portata. Quello del villaggio longobardo è una delle diverse destinazioni di un compendio molto ampio, che può essere il cardine di una riqualificazione anche ambientale e naturalistica a beneficio della comunità”.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione