Ferita a San Martino, la cucciola di sciacallo dorato ora corre nel Carso

il rilascio

Ferita a San Martino, la cucciola di sciacallo dorato ora corre nel Carso

Di Timothy Dissegna • Pubblicato il 19 Nov 2021
Copertina per Ferita a San Martino, la cucciola di sciacallo dorato ora corre nel Carso

L'esemplare giovanissimo è tornato in libertà. Aveva sofferto dopo un grave trauma.

Condividi
Tempo di lettura

È stata recuperata tre mesi fa, dolorante dopo essere stata investita da un’auto a San Martino del Carso, in comune di Sagrado. Ieri pomeriggio, la cucciola di sciacallo dorato Trilli è tornata finalmente in libertà, potendo correre in mezzo al Carso. Un epilogo felice per l’esemplare, che quando è arrivata al Centro recupero fauna selvatica di Terranova, in comune di San Canzian d’Isonzo, è rimasta ipovedente per quasi 48 ore. Una brutta avventura per l’animale, che ha subito ricevuto le cure del responsabile Damiano Baradel, che l’ha stabilizzata.

“Quando è stata trovata - ricorda Stefano Pesato, docente di veterinaria dell’Università di Udine - aveva un sospetto trauma e intossicazione, probabilmente legato al trauma dell’incidente. Pesava nemmeno cinque chili, per questo è stata trasferita”. La piccola è stata così portata in una struttura dell’ateneo friulano, sotto la tutela del dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali, dove è stata monitorata limitando al massimo i contatti con l’umano. Una misura fatta per evitare che potesse entrarvi troppo in confidenza.

Un risultato del genere, infatti, avrebbe complicato inevitabilmente il rilascio in natura. Studiata da resto grazie alle telecamere, è stato possibile rifocillarla e, una volta raggiunti gli 8 chili, è arrivato il momento dell’addio. La piccola, di circa 9 mesi, è stata quindi rilasciata ad appena tre chilometri dal luogo dov’era stata trovata. Per qualche tempo, viaggerà con un collare che trasmetterà i suoi spostamenti, così da poter proseguire nello studio del suo comportamento. Un’opportunità rara, visto che è la prima cucciola recuperata in Italia.

Solo altri due casi si sono registrati prima in Europa, entrambi in Grecia. “Probabile ora si aggregherà ad altri sciacalli - prosegue l’esperto -, si accaserà e troverà compagno, formando un nuovo gruppo familiare”. A fine marzo scorso, era stato rinvenuto in zona un altro sciacallo, ribattezzato Sergio e di 24 mesi: anche lui era gravemente ferito nei pressi di San Martino. Lo sciacallo dorato è una specie rara in Italia, con una popolazione di poche centinaia di individui, risultando ancora poco nota nei suoi comportamenti ed esigenze ecologiche.

Foto: Centro fauna selvatica Terranova/Facebbok

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione