«Un ente gestore per i laghi carsici», Legambiente Monfalcone lancia la proposta

«Un ente gestore per i laghi carsici», Legambiente Monfalcone lancia la proposta

Dopo l'escursione

«Un ente gestore per i laghi carsici», Legambiente Monfalcone lancia la proposta

Di Ivan Bianchi • Pubblicato il 09 Feb 2023
Copertina per «Un ente gestore per i laghi carsici», Legambiente Monfalcone lancia la proposta

L'idea è partita dopo l'escursione di domenica alla scoperta delle zone umide. «Difendere questa ricchezza».

Condividi
Tempo di lettura

Anche quest’anno il circolo Legambiente di Monfalcone ha voluto celebrare la Giornata Mondiale delle Zone Umide, istituita dalla Convenzione di Ramsar il 2 febbraio 1971 per proteggere queste aree che, oltre ad essere uno scrigno di biodiversità, sono tappe di sosta indispensabili per l’avifauna migratrice, e fondamentali per l’assorbimento e immagazzinamento della CO2.

Il Lago di Doberdò, con gli altri laghi carsici di Mucille, Pietrarossa, e Sablici, rappresenta inoltre una peculiarità geologica unica, riconosciuta a livello europeo se non internazionale. Per questo nel lontano 1996 la L.R. n. 42 ha istituito, tra le altre, anche la Riserva Naturale dei laghi di Doberdò e Pietrarossa, cui doveva seguire la nomina di un Ente Gestore, formato dai Comuni su cui insistono i 726 ha di territorio (73% Doberdò, 14% Ronchi, 11% Monfalcone), la stesura di un Piano di Conservazione e Sviluppo e infine un Regolamento, con norme efficaci di tutela. Purtroppo, questo percorso non è stato intrapreso, nonostante i numerosissimi appelli alle istituzioni, ultimo tra i quali l’incontro organizzato dall’associazione ambientalista E. Rosmann nello scorso settembre tra i rappresentati dei tre comuni e le associazioni portatrici di interessi, e da ultimo l’escursione organizzata da Legambiente cui ha partecipato una cinquantina di persone, accompagnate dal professor Alfredo Altobelli, ex docente di Ecologia all’Università di Trieste.

“Un Ente Gestore potrebbe affrontare con maggior efficacia i numerosi problemi della riserva, da quelli prettamente ecologici come il progressivo interramento del lago e le vie d’acqua sotterranee che li alimentano, a quelli dovuti ai cambiamenti climatici in atto, quali la grave siccità che lo ha ridotto ad un rigagnolo la scorsa primavera-estate e che molto probabilmente sarà una costante del nostro clima, agli incendi boschivi che hanno interessato anche parte del territorio della Riserva. I Servizi regionali e i vari corpi intervenuti (Vigili del Fuoco, Protezione Civile, servizio Biodiversità della Regione…) avrebbero potuto trovare più facilmente un coordinamento, sia nella fase emergenziale che nella gestione successiva della rigenerazione del territorio”, propone Legambiente.

“L’Ente Gestore sarebbe anche funzionale alla lotta alle piante aliene invasive come l’ailanto, e all’applicazione di norme omogenee per interventi nelle aree private, tanto per citare le più rilevanti emergenze. Continuando in questo modo le opportunità, anche finanziarie, si perdono, e con esse un gioiello naturalistico unico molto vulnerabile”, conclude il circolo “Zanutto”. 

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) la redazione de Il Goriziano è contattabile al +39 328 663 0311.

Messaggi elettorali a pagamento

  • Elezioni 2024 - Committente: GIULIANO VENUDOCommittente: GIULIANO VENUDO
  • Elezioni 2024 - Committente: ALLESSANDRO CIRIANICommittente: ALLESSANDRO CIRIANI
  • Elezioni 2024 - Committente: MARCO FRAGIACOMOCommittente: MARCO FRAGIACOMO
Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione

×