Il Comunale di Monfalcone omaggia Pasolini nel centenario della nascita

L'appuntamento

Il Comunale di Monfalcone omaggia Pasolini nel centenario della nascita

Di Redazione • Pubblicato il 31 Ott 2022
Copertina per Il Comunale di Monfalcone omaggia Pasolini nel centenario della nascita

Il 4 novembre lo spettacolo PPP Pig Band – Dal Porcile all’Orgia di Pier Paolo Pasolini vede le voci di Anna Zago e Paolo Rozzi accompagnate dalla Lydian Sound Orchestra.

Condividi
Tempo di lettura

Un concerto teatrale di storie in omaggio a Pasolini, venerdì 4 novembre alle 20.45, inserito nella rassegna musicale ControCanto del Comunale. Il regista Piergiorgio Piccoli inscena storie non sempre amene, raccontate da due attori, un’orchestra jazz e un corvo appollaiato su un ramo, che riflette sull’esistenza. In un continuo intreccio fra realtà e invenzione, le voci narranti di Anna Zago e Paolo Rozzi sfogliano il catalogo dei peccatori dell’epoca di Pasolini, che poi è anche la nostra: i conformisti, i volgari, i cinici, i deboli, gli ambigui, i paurosi, gli autoritari, i piccoli benpensanti, i servili, i sadomasochisti, i lotofagi e sì, anche gli antropofagi.

Il jazz della Lydian Sound Orchestra, diretta da Riccardo Brazzale, accosta sapientemente questi temi al simbolismo della ribellione, con una impareggiabile identità di intenti, con quel suo linguaggio pieno di strappi, di assoli capaci di melodica persuasione e ribollente energia, di ritmi suadenti e poliritmia in controtempo.

Nelle opere di Pasolini sono ricorrenti temi come la diversità, la volontà di scandalo, il sacrificio, una forte opposizione all’incedere dell’omologazione del pensiero e dei costumi. Nella visione pasoliniana, portata fino al paradosso, assistiamo a un’inquietante fenomeno tramite il quale una nuova forma di totalitarismo si abbatte sulle masse, riducendo i soggetti al ruolo di passivi consumatori. Ne risulta una tremenda degenerazione antropologica in cui tutto – compreso l’essere rivoluzionario – diviene conformismo. Il distacco e l’umorismo sono fondamentali, unici espedienti per affrontare temi così drammatici. Allo stesso modo il linguaggio poetico, necessario per cristallizzare l’orrore.

Lo spettacolo, in prima Regionale, è realizzato in collaborazione con Asolo Musica e con il contributo di Io Sono Friuli Venezia Giulia. Alle 20, nella cornice informale del Bar del Teatro, in occasione di “Dietro le Quinte”, Federico Pupo introdurrà al pubblico lo spettacolo dialogando con il regista Piergiorgio Piccoli.

Foto di Carlo Mogavero. 

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione