Centri estivi da record a Cormons, ragazzi stregati dalla montagna

le iniziative

Centri estivi da record a Cormons, ragazzi stregati dalla montagna

Di Redazione • Pubblicato il 21 Lug 2021
Copertina per Centri estivi da record a Cormons, ragazzi stregati dalla montagna

Nuovo successo per le attività dedicate ai ragazzi. Previsti percorsi per aiutare con i compiti, in vista del ritorno a scuola.

Condividi
Tempo di lettura

Anche quest'anno si è rinnovata la collaborazione tra le parrocchie di Grado e Cormons che, coordinate dall’Aps Ric Cormòns, hanno potuto offrire l’esperienza dei campi estivi a quasi 80 ragazzi under 14 guidati da 20 animatori. Il progetto è inserito nella proposta formativa per questa estate, che ha avuto il sostegno della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia. Alla guida della macchina organizzativa c'è il parroco della cittadina del Collio, monsignor Paolo Nutarelli, insieme a Claudio Gaddì e Stefano Fontana.

In questo anno difficile, l’equipe degli animatori ha voluto ambientare le esperienze estive in una “meravigliosa settimana di natale”, per ricordare che il 25 dicembre -in fondo- è ogni giorno. "Per i ragazzi - spiegano dall'organizzazione -, i campi di soggiorno di Fusine rappresentano un’esperienza unica e davvero speciale dal punto di vista educativo". La condivisione di regole comuni e degli spazi "sono occasioni importanti che danno un reale e tangibile senso di comunità, in cui i legami e le relazioni si creano, si rafforzano e si approfondiscono e dove si ha un primo assaggio di autonomia e di crescita".

Il Ric, peraltro, sta operando in quattro direzioni, a partire dalle attività in montagna, che prevedono il pernottamento presso la Casa Immacolata di Fusine in Val Romana e organizzati in quattro turni. L'offerta è per bambini e ragazzi che vanno dalle classi IV e V della scuola primaria alle classi delle medie e superiori. Fino al 14 agosto, poi, rimarranno le attività negli spazi del centro parrocchiale con gli operatori dedicati, dal lunedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30, permettendo così a bambini, ragazzi e giovani di usufruire dei suoi spazi. Da maggio ad oggi, ben 2700 ragazzi hanno utilizzato quest'area, regolarmente registrati come da norma.

C'è poi il Grest, giunto alla sua sedicesima edizione, che verrà pensata tenendo presenti le età dei bambini edei ragazzi e, per garantire una partecipazione più ampia, verrà suddiviso in mattina e pomeriggio. Infine, ci sono i corsi per prepararsi al ritorno in classe, che gratuitamente daranno la possibilità di accompagnare bambini e ragazzi nello svolgimento dei compiti scolastici e supportarli nel lavoro domestico/didattico. Tutte queste attività del Ric Cormòns sono possibili anche grazie a quanto viene raccolto con il 5x1000 della dichiarazione dei redditi.

Come ricorda don Paolo, che lancia l'appello ai concittadini e non solo: “Grazie a chi ci ha sostenuto… Grazie a chi ci darà una mano… Anzi una firma! Basterà indicare nell'apposita casella del riquadro del 5x1000 il codice fiscale di Ric Cormòns, 91035880318, ed apporre la firma. Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric rendendo così il futuro… migliore”.

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione