×
Sagra di San Rocco -  dal 3 al 16 Agosto 2022

Agenti in affanno in carcere a Gorizia, «manca un quarto del personale»

le richieste

Agenti in affanno in carcere a Gorizia, «manca un quarto del personale»

Di Redazione • Pubblicato il 02 Lug 2022
Copertina per Agenti in affanno in carcere a Gorizia, «manca un quarto del personale»

Sindacati a colloquio con il prefetto, «scenario non più sopportabile».

Condividi
Tempo di lettura

La Uil Pa punta il dito verso la situazione all'interno del carcere di Gorizia. La sigla, in una nota, evidenzia che "su un organico di 42 unità agenti di polizia penitenziaria in servizio", sono tre quelli che "stanno partecipando al corso per passaggio di ruolo, quattro sono distaccati per vari motivi, due assenti per lungo periodo. In più sono stati aggiunti altri posti di servizio. In pratica manca quasi un quarto del personale". Numeri presentati al prefetto di Gorizia, Raffaele Ricciardi.

A farlo sono stati i rappresentanti sindacali del corpo, come spiega il segretario regionale della Uilpa Polizia penitenziaria, Alessandro Penna. Evidenziate le articolate criticità nella casa circondariale che, con posti di servizio scoperti e accorpati, "rendono difficile gestire la popolazione detenuta e i termini di rieducazione e trattamento all’interno dell’Istituto, garantire i livelli minimi di sicurezza, e che sottopongono il personale ad effettuare turni massacranti, un numero di ore di straordinario eccessivo e in molti casi non permette di usufruire del riposo settimanale" incalza la sigla.

“Attualmente l’istituto Isontino risulta essere di fatto allo sbando a causa delle carenze che aumentano costantemente e che non vengono sostituite - ribadisce il segretario Uilpa - specchio di uno scenario non più sopportabile, in grado di alimentare sconforto e soprattutto forti rischi per il mantenimento dell’ordine, della disciplina e della sicurezza all’interno dell’Istituto e alla città stessa, per non parlare dei diritti insopprimibili dell’intera categoria dei poliziotti penitenziari”.

I sindacati hanno anche rilevato come il distacco da Padova a Gorizia di 5 agenti, approvato il 21 giugno coeso dall’amministrazione penitenziaria, in quanto temporaneo per soli due mesi, "non risolve le criticità dell’Istituto isontino". Da qui la richiesta al commissario di governo "di agire perché venga assegnato un numero adeguato di agenti in pianta stabile e esortano la definizione di provvedimenti al fine di garantire i livelli minimi di sicurezza".

Rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie dal Territorio, iscriviti al nostro canale Telegram, seguici su Facebook o su Instagram! Per segnalazioni (anche Whatsapp e Telegram) +39 328 663 0311.

Articoli correlati
...
Occhiello

Notizia 1 sezione

...
Occhiello

Notizia 2 sezione

...
Occhiello

Notizia 3 sezione